Ricerca - Civico Mafe


CIVICOMUSEOARCHEOLOGICO
FERRANDINA
Vai ai contenuti
RICERCA SCIENTIFICA E PUBBLICAZIONI
Il MAFE persegue obiettivi di ricerca scientifica archeologica in collaborazione con il progetto “FArch – Ferrandina Archeologica” (dir. scientifica Maria Chiara Monaco) sul territorio e sul patrimonio archeologico di Ferrandina. Qui puoi trovare aggiornamenti sui progetti in corso e le pubblicazioni scientifiche edite del museo.
RICERCA SCIENTIFICA
Il progetto “FArch – Ferrandina Archeologica” nasce nel 2018 e vede la collaborazione del Dipartimento di Scienze Umane (DiSU) dell’Università degli studi della Basilicata sotto la dir. scientifica prof.ssa Maria Chiara Monaco, il Comune di Ferrandina e la Soprintendenza ABAP della Basilicata. Lo scopo del progetto è quello di: -ricostruire il quadro storico-archeologico del territorio ferrandinese attraverso le metodologie tradizionali, le ricerche d’archivio, l’edizione di contesti inediti e l’utilizzo di tecniche di remote sensing; -perseguire obiettivi legati alla valorizzazione del patrimonio archeologico.
I lavori sul campo, coordinati dal prof. Fabio Donnici e dal dr. Antonio Pecci, si svolgono in campagne di scavo svolte ogni anno per circa un mese, e vedono coinvolti studenti e professionalità provenienti dal territorio italiano e straniero.
Ad oggi, si sono svolti IV missioni archeologiche, di cui si riportano ora sinteticamente i risultati, mentre è in corso l’organizzazione della V campagna di scavo del progetto FARCH che si terrà nel mese di Giugno/Luglio 2022 in loc. Sant’Antonio.
- campagna di scavo 2018. Le indagini archeologiche hanno interessato un terreno boschivo sito in località San Nicola, a circa 6 km a Nord-Ovest dal centro abitato, e un terreno ad uliveto sito in località Sant’Antonio Abate, a poche centinaia di metri dalla omonima chiesetta rurale. Nel primo sito è stata individuata e parzialmente indagata una necropoli inedita, violata in passato dai tombaroli e risalente, verosimilmente, al IV sec. a.C.; nel secondo, il gruppo di ricerca ha inteso recuperare l’area di scavo di un frantoio oleario del IV sec. a.C., rinvenuto già nel 2006, al fine di valutare lo stato di degrado delle strutture ad essa pertinenti, di individuarne limiti e prosecuzioni e di pianificare nuove indagini future.
- campagna di scavo 2019. La missione è stata finalizzata allo scavo dell’area antistante il frantoio oleario rinvenuto in località Sant’Antonio. L’indagine ha chiarito la fisionomia di alcuni ambienti aperti adiacenti all’impianto oleario e portato al rinvenimento di carporesti di olive ora in esposizione al MAFE. Durante questa stessa campagna di scavo è stata inoltre scoperta, sempre in loc. Sant’Antonio, un’inedita necropoli arcaica di cultura peuceta.
- campagna di scavo 2020. La missione archeologica ha provveduto ad effettuare la prima campagna di scavo nella necropoli arcaica in località Sant’Antonio. L’importanza dei rinvenimenti ha richiamato l’attenzione della rubrica del Tg2 Costume Società con un servizio dedicato al progetto FArch che ha riscosso grande successo.
- campagna di scavo 2021. La missione archeologica ha operato nella necropoli arcaica in località Sant’Antonio. Al termine delle due campagne archeologiche (2020-2021) finalizzate allo scavo della necropoli sono state portate alla luce 21 tombe in totale; i corredi di due sepolture di questa necropoli sono attualmente in esposizione al MAFE.
Oltre alla ricerca sul campo, è proceduta la ricerca su contesti e materiali archeologici inediti. Sono state assegnate e discusse presso l’UNIBAS due tesi triennali (Corso di Laurea di Operatore dei Beni Culturali, UNIBAS-DICEM, Matera): Antonio Cirigliano ha analizzato il frantoio oleario rinvenuto in località Sant’Antonio e Grazia Creanza ha per la prima volta studiato inediti reperti rinvenuti nel santuario lucano, in località Caporre. Per quanto attiene le tesi magistrali si segnala il proseguo della ricerca da parte della dr. Creanza in relazione allo studio di un lotto di materiali inediti del già citato contesto di Caporre (Corso di Laurea in Archeologia e Storia dell’Arte, UNIBAS-DICEM, Matera). Per le tesi di specializzazione infine (Scuola di Specializzazione UNISalento-Lecce) si segnala l’assegnazione di un lavoro di ricerca al dr. Fernando Bove relativamente ai materiali inediti provenienti dagli scavi di emergenza effettuati nel centro di Ferrandina dalla Soprintendenza Archeologica della Basilicata negli 1966 e 1967  (piazza Mazzini e di Piazza De Gasperi).
Contestualmente, oltre all’indagine sul campo si è proceduto con la valorizzazione del patrimonio archeologico attraverso:
- l’ideazione e la collaborazione, a cura del gruppo di lavoro del progetto FArch, per quanto attiene alla progettazione e alla realizzazione dei contenuti scientifici del museo MAFE (concessione di finanziamento n. 4/201, prot. 597/2019 sottoscritto tra il Comune di Ferrandina e il GAL START2020 srl)
-l’attività di divulgazione dei risultati ottenuti attraverso alcuni convegni di seguito riportati:
·         26-28 settembre 2019. M. C. Monaco. A. Pecci, F. Donnici, Poster “Ferrandina (MT), scavo in loc. Sant'Antonio”, 59° Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, “Donne di Magna Grecia: visibilità, rappresentazione, ruoli”. Istituto per la Storia e l’Archeologia della Magna Grecia – Taranto.
·         30-31 maggio 2019. M. C. Monaco, A. Pecci, I. Campanile, F. Donnici, “Conoscenza e valorizzazione del paesaggio per la costruzione e la preservazione dell’identità culturale. Il caso di Ferrandina (Mt)”, Romarché 10: Convegno Landscapes - Paesaggi culturali, Villa Giulia, Roma, 30-31 Maggio 2019.
·         3 gennaio 2020. F. Donnici, “La riscoperta del frantoio lucano (IV sec. a.C.) in loc. Sant’Antonio Abate tra conoscenza scientifica e nuovi progetti di valorizzazione”, Incontro di Studi “Ricerche archeologiche dell’Unibas-DiSU a Ferrandina (2018-2019). Vecchi rinvenimenti e nuove scoperte”. Comune di Ferrandina – Ferrandina (MT).
·         3 gennaio 2020. A. Pecci, “Su un eccezionale rinvenimento archeologico: la necropoli di VII sec. a.C. di loc. S. Antonio Abate”, convegno “Ricerche archeologiche dell’Unibas Disu a Ferrandina: vecchi rinvenimenti e nuove scoperte", sala consiliare del Comune di Ferrandina, 3 gennaio 2020.
·         21 maggio 2021. F. Donnici, “Un impianto di produzione olearia di 2400 anni fa a Ferrandina (MT): Ricerche archeologiche e prospettive di valorizzazione”, giornata di studi “ScopriAMO l’Olivo e l’Olio”. Condotta Slow Food di Potenza – Potenza.
·         28 luglio 2021. A. Pecci, “Anzi e Ferrandina: due progetti archeologici tra Soprintendenza e Università degli Studi della Basilicata”, convegno “Conversazioni al tramonto IV – Estate 2021”, Maratea 28 Luglio 2021.
·         3-26 settembre 2021. M. C. Monaco. A. Pecci, F. Donnici, Poster “Ferrandina (MT), la necropoli della tarda età del Ferro (VII sec. a.C.) di loc. Sant’Antonio”, 60° Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, “Magna Grecia e Sicilia, storia e strutture a confronto dal VII al V sec. a.C.”. Istituto per la Storia e l’Archeologia della Magna Grecia – Taranto.
·         2 dicembre 2021- M. C. Monaco, “La cultura dell’olivo e dell’olio nel mondo antico: il caso di Ferrandina”, Convegno organizzato dall’ALSIA, Matera Aula Magna Campus Universitario, 2 dicembre 2021.
Altre attività divulgative:
·         Laboratori di archeologia, Ferrandina 27 ottobre 2018.
·         Open-day archeologico, Ferrandina 28 Ottobre 2018.
·         Camminata tra gli Ulivi 2018, 2019.
Pubblicazioni su carta stampata relative alla ricerca del gruppo FArch – Ferrandina Archeologica e/o a progetti annessi (MAFE):
·         La Gazzetta del Mezzogiorno (26 Ottobre 2019)
·         La Gazzetta del Mezzogiorno (9 Luglio 2019)
·         La Gazzetta del Mezzogiorno (3 Gennaio 2020)
·         Mathera (Marzo 2020)
·         Current World Archaeology (Aprile/Maggio 2020)
·         Archeo (Aprile 2020)
·         Il Roma (8 Ottobre 2020)
·         La Gazzetta del Mezzogiorno (15 Ottobre 2020)
·         La Gazzetta del Mezzogiorno (10 Giugno 2021)
Servizi televisivi relativi alla ricerca del gruppo FArch – Ferrandina Archeologica e/o a progetti annessi (MAFE):
·         TGR Basilicata (5 Febbraio 2021)
·         TG2 Costume e Società – Rubrica Sì Viaggiare (1 Marzo 2021)
·         TGR Basilicata (1 Ottobre 2021)
·         TRM (1 Ottobre 2021)
PUBBLICAZIONI
·         M. C. Monaco, A. Pecci, F. Donnici, Ferrandina: storia e archeologia di un territorio millenario”, M. C. Monaco, A. Pecci, F. Donnici (a cura di), Tipografia-Legatoria Menzella, Ferrandina 2021. ISBN 9791220095167.
·         M. C. Monaco, A. Pecci, F. Donnici, Ferrandina: riemerge dal passato un frantoio oleario del IV secolo a.C., in Agrifoglio Notiziario regionale di agricoltura sostenibile, a cura dell’Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura, n. 91, 2020. ISSN 2421- 3268.
(inserire link il file lo trovi nella cartella allegati)
·         M. C. Monaco, A. Pecci, I. Campanile, F. Donnici, Conoscenza e valorizzazione del paesaggio per la costruzione e la preservazione dell’identità culturale. Il caso di Ferrandina (Mt), in Landscapes – Paesaggi culturali, Atti della Giornata di Studi tenutasi a Roma, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, il 30 maggio 2019, F. Cambi, D. Mastroianni, V. Nizzo, F. Pignataro, S. Sanchirico (a cura di), Roma, Fondazione Dià Cultura, 2021, pp. 237-253, ISBN 978-88-946182-2-8.
·         A. Pecci, Ferrandina. Guida alla città di Federico d’Aragona, Zaccara Editore, Lagonegro, 2019.
(inserire link il file lo trovi nella cartella allegati)
Torna ai contenuti